Sandy Hook Hoax
The Father taking on the Sandy Hook Troll
December 15, 2016
Sandy Hook Hoax
Father of Sandy Hook victim speaks out against ‘hoaxers’
December 19, 2016

Padre in lotta contro i negazionisti «Alla Sandy Hook morto il mio Noah»

Sandy Hook Hoax

La mattina del 14 dicembre 2012 Adam Lanza, 20 anni, entra nella scuola elementare di Sandy Hook, a Newtown in Connecticut e, prima di suicidarsi, uccide 27 persone: 20 sono bambini tra i 6 e i 7 anni. Il più piccolo si chiama Noah Pozner, le sue due sorelle studiano in un’aula accanto e si salvano. Noah muore subito.

Sandy Hook è una delle sparatorie nelle scuole con più vittime della storia americana. Eppure ci sono migliaia di persone convinte che la strage non sia mai avvenuta, che Noah Pozner non sia mai esistito, che i suoi genitori, come quelli degli altri bambini, siano attori pagati dal governo americano e dalla Cia per spingere una legislazione che regoli l’uso delle armi. È sufficiente una ricerca su Google per vedere che l’eccidio di Newtown è diventato negli anni uno dei bersagli favoriti dei cospirazionisti. «È stata una vicenda estrema, inspiegabile, dunque si presta a manipolazioni», dice al Corriere della Sera Lenny Pozner, il papà di Noah, con la lucidità di uno studioso. Prima di perdere due volte suo figlio — la prima, nella scuola di Sandy Hook, la seconda nella memoria di chi crede che non sia mai vissuto — era un fan delle teorie delle complotto: «Guardavo i video su YouTube con lo stesso spirito con cui le persone leggono Il Codice Da Vinci, usando l’immaginazione. Capisco l’attrazione del voler essere un citizen detective, ma tutto restava nella mia testa, confinato all’immaginazione. Mai avrei potuto attaccare gli altri». È quello che è successo a lui e alla sua (ex) moglie Veronique, che già poche settimane dopo la morte di Noah hanno iniziato a ricevere minacce dai truther — questo il termine tecnico per chi crede di conoscere la verità degli eventi tragici della Storia— che li accusano di essere «traditori, persone disgustose, venduti» (un termine che Lenny detesta, preferisce hoaxer: creatori di bufale). Sono tantissimi, spesso insospettabili. Un professore della Florida Atlantic University, James Tracy, è stato radiato dopo aver chiesto a Lenny Pozner una prova che suo figlio fosse realmente esistito. La scorsa settimana una donna di 57 anni della Florida è stata condannata per avergli scritto quattro messaggi, tutti con lo stesso contenuto: «Morirai. La morte arriverà da te, questa volta davvero».See more